alt

Ilaria Maiolino- Perugia - Tour Europeo 2012 BiciCuoreDiabete - Dall’Italia all’Olanda 6 ciclisti montano in sella con un messaggio da consegnare: lo sport è la migliore medicina per una buona salute ed è per tutti, soprattutto per chi alla propria salute deve prestare qualche attenzione in più, come le persone affette da diabete e cardiopatie. I dati statistici riportati dall’UE riferiscono che in Europa sono 32 milioni i cittadini che soffrono di diabete e 325.000 sono i decessi legati a questa malattia. In Italia, circa 3 milioni di persone hanno il diabete e molte di queste conducono uno stile di vita sedentario: non è il caso dei ciclisti del team “BiciCuoreDiabete, Liberi di vincere”. Sono in sette, e di questi, 3 hanno il diabete di tipo uno, ed uno di loro quello di tipo due. Gli altri due non hanno il diabete, ma vogliono evitarlo: quello della prevenzione è infatti il concetto non meno fondamentale nel contesto del messaggio di questo tour. Ad unirli in questa avventura è stato l’amore verso la bicicletta: i 1400 chilometri da dover percorrere erano una sfida e insieme espressione di solidarietà. Il Tour Europeo 2012 BiciCuoreDiabete, è partito da Milano il 15 settembre e in sette giorni, ovvero in sette tappe, ha raggiunto Valkemburg, in Olanda, città che ha ospitato per la quinta volta i mondiali di ciclismo. In mezzo, due tappe estremamente significative: il passaggio a Strasburgo, sede principale del Parlamento europeo, con l’obiettivo di portare all’attenzione delle politiche comunitarie l’interesse verso quella che può essere considerata una vera e propria pandemia. Costantemente monitorati da un equipe medica, nel corso del viaggio hanno riportato ogni giorno e a diverse ore i valori glicemici dimostrando quanto pedalare migliori la dinamica di diversi parametri biologici importanti: glicemia, trigliceridi, colesterolo, HDL, mentre complessivamente contribuisce a ridurre il rischio cardiovascolare. La seconda “tappa istituzionale” è stata quella all’ambasciata italiana in Lussemburgo, dove sono stati accolti dallo stesso ambasciatore, Raffaele de Lutio, e dall’ ”Association luxembourgeoise du diabéte” oltre che dalla stampa locale. Anche noi, in questa sede diventiamo per un giorno ambasciatori: una delle nostre missioni è infatti quella di promuovere Perugia-Assisi come candidate a Capitale europea alla cultura 2019.

Il Tour europeo 2012 “BiciCuoreDiabete, Liberi di vincere”, a Valkemburg ha messo in tasca la medaglia più importante: quella di aver creduto nella possibilità di realizzare un progetto con un profondo valore sociale e portarlo a termine attraverso un mezzo come la bici, simbolo del  dal grande valore culturale dello sport.

BiciCuoreDiabete è un progetto nato da un’idea di David Panichi, ha 43 anni, è originario di Perugia, ed è  anche il miglior testimonial di questo tour: affetto da diabete di tipo 1 e da una forma di cardiopatia congenita ( Tetralogia di Fallot), David avrebbe potuto precludersi la possibilità di praticare sport, invece il suo forte attaccamento alla bicicletta gli ha permesso di vivere una vita in pacifica convivenza con i suoi problemi fisici. “Il ciclismo – dichiara David in conferenza stampa alla sede CONI di Milano – oltre ad essere la mia più grande passione, è stato parte della mia terapia, permettendomi negli anni di rendere stabili i valori del cuore e migliorare gli indici glicemici del diabete”. La sua idea è stata subito accolta dal Petit Vèlo, in concomitanza con i principi di questa associazione, sensibile ai temi della salute e della solidarietà. Il contributo incondizionato di Sanofi, attraverso il progetto Liberi di Vincere è stato un altro tassello fondamentale per la realizzazione di questo primo Tour BiciCuoreDiabete.

Il tour è stato seguito e documentato grazie al lavoro di due giornalisti, Ilaria Maiolino, che ha realizzato fotografie e scritto i resoconti di viaggio, e Mirko Loche, che ha realizzato i video delle tappe. Il racconto del Tour Europeo 2012 BiciCuoreDiabete, con foto, video e interviste è stato quotidianamente caricato sul sito,  all’indirizzo: http://www.tourbicicuorediabete.it

I ciclisti: David Panichi, Guido Colombo, Giovanni Nardi Schultze, Francesco Zazza, Cristiano De Battista, Gianluca Lamaro. Gli ultimi due giorni si è aggregato anche Mario Senfett, dell’associazione Petit Vèlo.

Un particolare ringraziamento va agli sponsor di questo evento: Sogesi, Effe Consulting, Conad magazzini Pesciarelli ( Magione, Pg), Matè, Temple Bike. Ringraziamo anche chi ha voluto sostenerci con il proprio patrocinio: Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Ministero della Salute, Roma Capitale, Comune di Perugia, CONI (Comitato olimpico nazionale), C.I.P (Comitato Paralimpico italiano), Federazione ciclistica italiana, Diabete Italia, Fand nazionale ( Associazione Italiana Diabetici) e Fand Perugia, centro perugino C.U.R.I.A.M.O ( del Prof. Pierpaolo De Feo), A&G,, Azienda Ospedaliera di Perugia ( Dipartimenti di: Endocrinologia, Cardiologia), Facoltà di Scienze motorie dell’Università degli Studi di Perugia.

 Altro doveroso ringraziamento vogliamo farlo all’equipe medica, che ha costantemente monitorato lo stato di salute dei ciclisti: la diabetologa Silvia Arnone e la nefrologa Sara Battistoni. 

alt alt alt